News

Bonus export digitale per la micromanifattura: via alle domande dal 16 maggio

Massimo Leone
13 lug 2022
Tempo di lettura: 1 minuto, 48 secondi

Il Ministero degli Esteri e dell'Agenzia ICE ha stanziato un contributo a fondo perduto (4.000 euro per microimprese e 22.500 euro per reti e consorzi) che punta a sostenere le microimprese manifatturiere nelle attività di internazionalizzazione, attraverso soluzioni digitali fornite da imprese iscritte nell’elenco delle società abilitate. Via alle domande dal 16 maggio.


Il Bonus Export Digitale è un progetto che punta a sostenere le microimprese manifatturiere nelle attività di internazionalizzazione, attraverso soluzioni digitali.

Il contributo, concesso in regimi de minimis, si rivolge a:

  • Microimprese: imprese con un numero di dipendenti inferiore a 10 e con un fatturato o totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro.
  • Imprese manifatturiere: imprese con codice ATECO Primario compreso tra i codici 10.00.00 e 33
  • Reti: soggetti di cui al comma 2 dell’articolo 45 del decreto-legge n. 83 del 22 giugno 2012.
  • Consorzi: soggetti costituiti nella forma di consorzio, ai sensi degli articoli 2602 e 2612 e seguenti del Codice civile, aventi per oggetto la diffusione internazionale dei prodotti delle mPMI.

Per le microimprese è previsto un contributo pari a 4.000 euro a fronte di spese ammissibili non inferiori, al netto dell’IVA, a 5.000 euro mentre, questo sale a 22.500 euro per reti e consorzi a fronte di spese ammissibili non inferiori, al netto dell’IVA, a 25.000 euro.

Le spese finanziabili sono le seguenti:

  • realizzazione di sistemi di e-commerce verso l’estero, siti e/o app mobile
  • realizzazione di sistemi di e-commerce che prevedono l’automatizzazione delle operazioni di trasferimento, aggiornamento e gestione degli articoli da e verso il web
  • realizzazione di servizi accessori all’e-commerce
  • realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale dell’export digitale
  • digital marketing finalizzato a sviluppare attività di internazionalizzazione
  • servizi di CMS (Content Management System)
  • iscrizione e/o abbonamento a piattaforme SaaS (Software as a Service) per la gestione della visibilità e spese di content marketing
  • servizi di consulenza per lo sviluppo di processi organizzativi e di capitale umano
  • upgrade delle dotazioni di hardware necessarie alla realizzazione dei servizi sopra elencati.

Le domande devono essere presentate dal rappresentante legale dei soggetti richiedenti esclusivamente online, tramite il sito di Invitalia.

La presentazione è divisa in due fasi:

compilazione della domanda dal 10 maggio al 15 luglio 2022.

presentazione della domanda dal 16 maggio al 15 luglio 2022.


Finanza agevolata

Temporary Crisis Framework

Dal 30 agosto 2022 al 31 dicembre 2022 sarà possibile presentare le domande di garanzia fino al 90% a valere sul Quadro temporaneo di crisi (Temporary Crisis Framework) per sostenere l’economia nel contesto dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

22 set 2022
Finanza agevolata

Fondo finalizzato a promuovere e sostenere le eccellenze della ristorazione e della pasticceria italiana

È stato firmato dal ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il decreto attuativo che definisce i criteri per la concessione del “Fondo di parte capitale per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano”, con una dotazione finanziaria pari a complessivi 56 milioni di euro, di cui 25 milioni di euro per il 2022 e 31 milioni euro per il 2023, a valere sulla Legge di Bilancio.

23 set 2022