Finanza agevolata

Temporary Crisis Framework

Massimo Leone
22 set 2022
Tempo di lettura: 3 minuti, 58 secondi

Dal 30 agosto 2022 al 31 dicembre 2022 sarà possibile presentare le domande di garanzia fino al 90% a valere sul Quadro temporaneo di crisi (Temporary Crisis Framework) per sostenere l’economia nel contesto dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.


Per accedere al Temporary Crisis Framework, le imprese devono dichiarare di avere esigenze di liquidità connesse all’attuale guerra in Ucraina, come ad esempio quelle determinate dal rincaro dei prezzi di materie prime e fattori di produzione o dall’incremento delle spese energetiche.

Le operazioni finanziarie devono rispettare alcuni limiti:

  • durata massima di 8 anni e
  • un importo non superiore alternativamente
    • al 15% dell’importo medio dei ricavi delle vendite e delle prestazioni degli ultimi tre esercizi conclusi o, alternativamente
    • al 50% dei costi sostenuti per l’energia nei dodici mesi precedenti alla sottoscrizione della richiesta di agevolazione
    • al fabbisogno di liquidità nei successivi 12 mesi (o nei successivi 6 mesi per le imprese diverse dalle PMI ammissibili), qualora il soggetto abbia registrato uno o più delle seguenti condizioni: interruzioni nelle catene di approvvigionamento o forti incrementi nei prezzi dell’energia, delle materie prime e/o semilavorati, forte calo di fatturato, pagamenti in sospeso dalla Russia o dall’Ucraina, aumento dei costi per la sicurezza informatica

Per tutte queste tipologie di operazioni sono confermate le percentuali di copertura previste dalla Legge di Bilancio 2022:

  • 80% per investimento e per operazioni con finalità diversa dall’investimento riferite ad imprese rientranti nelle fasce 3, 4 e 5 del modello di valutazione del Fondo
  • 60% per le operazioni con finalità diversa dall’investimento riferite ad imprese rientranti nelle fasce 1 e 2 del medesimo modello di valutazione).

In attuazione dell’art.16 del dl aiuti, inoltre, aumenta la copertura della garanzia a favore dei finanziamenti finalizzati alla realizzazione di obiettivi di efficientamento energetico o diversificazione della produzione o del consumo energetici:

  • 90% per la garanzia diretta
  • 100% la riassicurazione a condizione che le garanzie rilasciate dai confidi o altri fondi di garanzia non superino il 90%.

Per questa tipologia di operazioni è inoltre prevista la gratuità dell’intervento del Fondo a favore delle imprese che operano nei settori particolarmente colpiti dall’attuale emergenza bellica, indicati dall’allegato I alla comunicazione della Commissione europea 2022/C13 I/01*.

Per quanto riguarda il costo delle commissioni da pagare sulle altre garanzie, è stabilito che per i prestiti fino a 6 anni, nel caso di Pmi, per una copertura tra il 60 e l’80%, il costo sia di 25 punti base il primo anno, poi 50 punti base e 100 punti base dal quarto al sesto anno. Nel caso di un prestito di 8 anni il rendimento da pagare parte da 50 punti base il primo anno e sale fino a 230 punti base l’ultimo anno.

L’avvio dell’operatività ai sensi del Temporary Crisis Framework costituisce un significativo ampliamento delle possibilità per le imprese di accesso alla garanzia e alle altre agevolazioni pubbliche. Ai Regimi de minimis e ai Regimi d’esenzione, si aggiunge infatti tale nuovo regime di aiuti che prevede un plafond pari a:

  • 500 mila euro per le imprese dell’industria e del commercio
  • 62mila euro per le imprese dell’agricoltura
  • 75 mila euro per le imprese della pesca e acquacoltura

Le misure a valere sul Temporay Crisis Framework saranno in vigore fino al 31 dicembre 2022.

*CODICI ATECO CON GRATUITA DEL FONDO DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO O DIVERSIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE O DEL CONSUMO ENERGETICI

Codice NACE

Codice ATECO

Descrizione

1.

14.11

141100

Confezione di abbigliamento in pelle

2.

24.42

244200

Produzione di alluminio

3.

20.13

201300

Fabbricazione di altri prodotti chimici di base inorganici

4.

24.43

244300

Produzione di zinco, piombo e stagno

5.

17.11

171100

Fabbricazione di pasta-carta

6.

07.29

72900

Estrazione di altri minerali metalliferi non ferrosi

7.

17.12

171200

Fabbricazione di carta e di cartone

8.

24.10

241000

Attività siderurgiche

9.

20.17

201700

Fabbricazione di gomma sintetica in forme primarie

10.

24.51

245100

Fusione di ghisa

11.

20.60

206000

Fabbricazione di fibre sintetiche e artificiali

12.

19.20

192000

Fabbricazione di prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio

13.

24.44

244400

Produzione di rame

14.

20.16

201600

Fabbricazione di materie plastiche in forme primarie

15.

13.10

131000

Preparazione e filatura di fibre tessili

16.

24.45

244500

Produzione di altri metalli non ferrosi

17.

23.31

233100

Fabbricazione di piastrelle in ceramica per pavimenti e rivestimenti

18.

13.95

139500

Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie, esclusi gli articoli di vestiario

19.

23.14

231400

Fabbricazione di fibre di vetro

20.

20.15

201500

Fabbricazione di concimi e di composti azotati

21.

16.21

162100

Fabbricazione di fogli da impiallacciatura e di pannelli a base di legno

22.

23.11

231100

Fabbricazione di vetro piano

23.

23.13

231300

Fabbricazione di vetro cavo

24.

I seguenti sottosettori del settore dei gas industriali (20.11):

20.11.11.50

201100

Idrogeno

20.11.12.90

201100

Composti ossigenati inorganici degli elementi non metallici

25.

I seguenti sottosettori del settore della fabbricazione di altri prodotti chimici di base organici (20.14):

20.14.12.13

201400
201401
201409

Cicloesano

20.14.12.23

Benzenici

20.14.12.25

Toluene

20.14.12.43

o-Xilene

20.14.12.45

p-Xilene

20.14.12.47

m-Xilene e miscele di isomeri dello xilene

20.14.12.50

Stirene

20.14.12.60

Etilbenzene

20.14.12.70

Cumene

20.14.12.90

Altri idrocarburi ciclici

20.14.23.10

Glicole etilenico (etandiolo)

20.14.63.33

2,2-Ossidietanolo (dietilenglicole)

20.14.63.73

Ossirano (ossido di etilene)

20.14.73.20

Benzolo (benzene), toluolo (toluene) e xilolo (xileni)

20.14.73.40

Naftalene e altre miscele di idrocarburi aromatici (esclusi benzolo, toluolo, xilolo)

26.

I seguenti sottosettori del settore della lavorazione di minerali non metalliferi n.c.a. (23.99):

23.99.19.10

239900

Lane di loppa, di scorie, di roccia e lane minerali simili, anche miscelate tra loro, in massa, fogli o rotoli


News

Bonus export digitale per la micromanifattura: via alle domande dal 16 maggio

Il Ministero degli Esteri e dell'Agenzia ICE ha stanziato un contributo a fondo perduto (4.000 euro per microimprese e 22.500 euro per reti e consorzi) che punta a sostenere le microimprese manifatturiere nelle attività di internazionalizzazione, attraverso soluzioni digitali fornite da imprese iscritte nell’elenco delle società abilitate. Via alle domande dal 16 maggio.

13 lug 2022